Ossigenoterapia ad alto flusso: Supporto respiratorio non invasivo - L'assistente colloca la cannula HI-Flow Star per erogare l'ossigenoterapia ad alto flusso

Ossigenoterapia ad alto flusso: Supporto respiratorio non invasivo

Chiedi a un esperto

Riassunto

L'ossigenoterapia ad alto flusso è un supporto respiratorio non invasivo che fornisce ai pazienti aria riscaldata, umidificata e arricchita di ossigeno. È tipicamente usata per i pazienti a respirazione spontanea che richiedono ossigeno a tassi di flusso più elevati. L'ossigenoterapia ad alto flusso può fornire supporto respiratorio ai pazienti con insufficienza respiratoria acuta ipossiemica e può anche prevenire la successiva intubazione. Porta a miglioramenti nell'ossigenazione1, nella frequenza respiratoria2, nella dispnea3 e nel comfort del paziente4 e aiuta i pazienti a recuperare più velocemente dopo l'estubazione1,2 Questo si traduce in risultati migliori e giorni di ricovero più brevi in terapia intensiva4. Questo tipo di o2-terapia è anche economico, poiché non richiede necessariamente un ventilatore, e può essere utilizzato in diversi reparti dell'ospedale.

Trattamento salvavita con ossigenoterapia ad alto flusso

Dai un'occhiata a come l'ossigenoterapia ad alto flusso può essere efficacemente utilizzata per evitare sia la terapia convenzionale basata su maschera non invasiva che quella invasiva nei pazienti con funzione respiratoria compromessa.

HI-Flow Star nasal cannula being placed

Ossigenoterapia ad alto flusso per pazienti con respirazione spontanea

L'ossigenoterapia ad alto flusso viene applicata con una speciale cannula nasale ad alto flusso (HFNC) e un circuito respiratorio inspiratorio riscaldato. Viene utilizzato per l'applicazione di aria e ossigeno miscelati, riscaldati e umidificati, ad alte velocità di flusso, tipicamente impostate tra 30 l/min e 50 l/min.

Questo flusso elevato può fornire concentrazioni di ossigeno inspiratorio più costanti rispetto all'ossigenoterapia convenzionale e può anche generare una pressione di fine espirazione positiva. I sistemi HFNC sono utilizzati anche per lavare la CO2 espirata dallo spazio morto inspiratorio nelle vie aeree con gas arricchito di ossigeno5. L'ossigenoterapia ad alto flusso può essere efficacemente utilizzata per trattare i pazienti con livelli da lievi a moderati di insufficienza respiratoria ipossiemica. Come misura preventiva contro l'insufficienza respiratoria post-estubazione, le cannule ad alto flusso hanno dimostrato di essere efficaci e costantemente meglio tollerate della terapia NIV6.

Il paziente è ventilato con la maschera integrale ClassicStar NIV

L'ossigenoterapia convenzionale è la somministrazione di ossigeno a una concentrazione maggiore di quella presente nell'aria ambiente per trattare o prevenire i sintomi e le manifestazioni dell'ipossia. Utilizza naso cannule o maschere e ha un flusso massimo efficace di circa dieci litri al minuto. A questo valori, non è possibile ottenere un aumento significativo della pressione espiratoria.

Per evitare che la mucosa si secchi, l'umidificazione del flusso di gas è generalmente raccomandata a valori di flusso che superano i due litri al minuto e si ottiene facendo gorgogliare il gas attraverso un contenitore di acqua sterile.

Il paziente è ventilato con la maschera NovaStar NIV

La terapia CPAP (Continuous Positive Airway Pressure) può anche comportare l'uso di un'interfaccia facciale aderente. I tassi di flusso di gas non sono così alti come con l'ossigenoterapia ad alto flusso. La PEEP (Positive End Expiratory Pressure) è mantenuta attraverso la tenuta tra il viso e l'interfaccia, che si adatta sopra il naso o il naso e la bocca. La maschera un po' stretta può produrre disagio e/o ansia in alcuni pazienti, e c'è un maggior rischio di aspirazione. Questa terapia richiede un ventilatore compatibile con la NIV o un dispositivo dedicato alla terapia CPAP.

Il paziente riceve l'ossigenoterapia ad alto flusso con HI-Flow Star

L'ossigenoterapia ad alto flusso usa una cannula nasale che è più comoda per il paziente e può essere usata continuamente per lunghi periodi di tempo. Il flusso di gas è umidificato e riscaldato in modo controllato. Questo previene l'essiccazione delle mucose e gli svantaggi associati. Richiede solo una fonte di ossigeno e aria compressa, nonché un sistema di riscaldamento/umidificazione.

Caso di studio del ventilatore Dräger Evita

Caso di studio: utilizzare i ventilatori Dräger Evita® al loro pieno potenziale

Nel 2014, il Glenfield Hospital, parte dell'University Hospitals Leicester, ha cambiato il suo approccio all'uso di Dräger Evita. Date un'occhiata a come questo ha permesso di migliorare l'efficienza dei costi, il comfort del paziente e la facilità d'uso per gli operatori, contribuendo a un percorso di cura senza soluzione di continuità.

Scarica il rapporto

"Come nella maggior parte delle unità di terapia intensiva, siamo sempre interessati a svezzare i nostri pazienti il più presto possibile e abbiamo avuto una politica di svezzamento dalla ventilazione invasiva alla non invasiva e poi all'ossigenoterapia ad alto flusso per alcuni pazienti".

Vicky Chamberlain, tecnico di cure critiche, Glenfield Hospital, Leicester, Regno Unito

Come usare HI-Flow Star

Impara come utilizzare il sistema di erogazione nasale di ossigeno Dräger HI-Flow Star con un miscelatore di ossigeno e un ventilatore.

Download suggeriti

Carta integrata per l'ossigenoterapia
Ossigenoterapia integrata per l'assistenza respiratoria

Leggete le recenti tendenze nell'uso dell'ossigenoterapia ad alto flusso che ha mostrato benefici nel miglioramento dell'ossigenazione, post estubazione, miglioramento dei volumi polmonari, comfort e tolleranza del paziente.

Scarica il whitepaper

Guida rapida HI-Flow Star
Una guida rapida

Iniziate subito: imparate a collegare il tubo inspiratorio Dräger HI-Flow Star ad un miscelatore e o a un ventilatore.

Scarica la guida

Elenco della letteratura sull'ossigenoterapia ad alto flusso
Elenco della letteratura

Vuoi saperne di più sull'ossigenoterapia ad alto flusso? Ecco una lista per ulteriori letture.

Scaricare la lista

Icona della newsletter

Resta informato: iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi le ultime informazioni da Dräger, comprese le risorse didattiche, le innovazioni dei prodotti, le notifiche degli eventi, le offerte speciali e molto altro ancora, tutto relativo alla tua area di interesse.

Prodotti correlati

Draeger Savina 300 Classic

Dräger Savina® 300 Classic

Draeger O2-Star Portfolio

O2Star - Accessori di ossigenoterapia

L'assistente regola la maschera facciale completa ClassicStar NIV per la terapia di ventilazione

Ventilazione non invasiva (NIV)

La NIV è una forma di supporto ventilatorio che non utilizza un tubo endotracheale. Sempre più clinici si rivolgono alla NIV per evitare gli effetti collaterali della ventilazione meccanica più invasiva. Dai un'occhiata a come la NIV può contribuire a ridurre i costi e a migliorare le possibilità di sopravvivenza del paziente.

Per saperne di più

Entra in contatto con Dräger

Contattateci Ospedale

Draeger Italia SpA

Via Galvani, 7
20094 Corsico (MI)

+39 02 458721

Fonti

1 Improvements in oxygenation
Corley 2011; Parke 2009; Roca 2010; Sztrymf 2011; Sztrymf 2011a

2 Respiratory rate
Corley 2011; Roca 2010; Sztrymf 2011; Sztrymf 2011a

3 Dyspnoea
Corley 2011; Roca 2010; Sztrymf 2011

4 Patient comfort
Corley 2011; Roca 2010; Tiruvoipati 2010

5 Itagaki T, Okuda N, Tsunano Y, et al. Effect of high-flow nasal cannula on thoraco-abdominal synchrony in adult critically ill patients. Respir Care. 2014;59:70–4

6 Helviz, Y., Einav, S., A Systematic Review of the High-flow Nasal Cannula for Adult Patients, Critical Care2018 22:71